La seta e gli abiti da sposa

Ogni abito da sposa ha una propria essenza e una propria anima resa tale grazie al tessuto che viene utilizzato ed uno dei tessuti che rappresenta in sè la femminilità è la seta.
La seta è un tessuto che può essere declinato in molti modi:
– la mussola: è un tipo di seta fine e vaporoso che crea un effetto trasparenza. Generalmente viene usata doppia per abiti fluidi stile impero o romano.
– crepe: generalmente impiegato per abiti classici data la sua tipica rugosità.
– satin: è un tipo di seta morbida, liscia e soprattutto brillante. In genere si trova in abiti da cerimonia bianchi o colorati.
– shantung: si tratta di un tipo di seta usato molto in India perchè ha una tessitura particolarmente ruvida, infatti viene chiamata anche seta grezza. Ha una finitura unica, molto artigianale che va benissimo per abiti di tendenza.
– taffetà: è un tipo di seta particolare e molto bello che offre dei riflessi unici, preziosi e lussuosi.
– organza: è simile alla mussola, solo un po’ più spessa e può essere usata sola o insieme ad altri tessuti.
– broccato: viene usato per abiti importanti e regali in stile principessa.
– satin duchesse: è la seta delle sete e la sua maestosità viene impiegata per abiti veramente speciali perchè è brillante, raffinato e cremoso.

Corteo di paggetti e damigelle

I paggetti e le damigelle possono avere il loro ruolo all’interno della cerimonia, basta prapararsi in tempo. Non c’è un numero preciso dei bambini, ne potrete avere quanti più ne vorrete. I bambini andranno scelti tra quelli di famiglia e tra i figli degli amici. Va sempre chiesto ovviamente il parere dei genitori che ne saranno ben felici o ancor meglio se sono più grandicelli potrete chiedere direttamente a loro. Gli abiti di solito sono abbinati all’abito da sposa oppure nettamente in contrasto per dare risalto.
Sicuramente il corteo di paggetti e damigelle sarà una parte indimenticabile di questa giornata.

Abiti da sposa 2012

I vestiti da sposa del 2012 si ispirano all’epoca vittoriana con corpetti aderenti,colletti alti, maniche corte e gonne voluminose ricche di pizzo.
E quest’anno va ancora più moda avere 2 abiti, uno per la cerimonia e l’altro per il ricevimento. Naturalmente quello per il ricevimento dovrebbe essere molto più informale. Per informazioni maggiori su abiti da sposa visitate il sito www.magnanisposa.it. Il bouquet naturalmente segue i toni degli abiti da sposa esprimendo romanticismo attraverso tonalità tenui come rosa pallido e beige ed arricchito di perle. E’ la volta però anche dei colori vivaci, allegri e intensi come il fucsia, il pistacchio e l’arancione.  E per le torte nuziali diamo sfogo alle nostre menti creando vere opere d’arte. Ci sono inoltre anche gli stand a tema, dalla cucina giapponese, al fois-gras alla degustazione di vini.

Come stilare la lista degli invitati

Ci sono delle “regole” che, se consultate, vi aiuteranno a stilare la lista degli invitati per il vostro matrimonio.
Innanzi tutto prima di cominciare a buttare giù una prima lista di nominativi, il primo passo da fare è quello di stabilire un budget di spesa che consentirà di stimare una spesa media a persona. Da quello si stabilirà a grandi linee il numero massimo di invitati.
Il secondo passo è quello di compilare una propria lista di invitati con la collaborazione dei rispettivi genitori, soprattutto se coinvolti nelle spese di ricevimento, suddividendoli così:
– parenti strettissimi
– parenti prossimi
– amici intimi
– persone che vi hanno invitato al loro matrimonio
– tutti gli altri
A questa punto non resta che unire tutte le varie liste e, a meno che non siate fortunati ed abbiate già finito il lavoro, molti nomi probabilmente coincideranno e vi ritroverete anche con un listone di persone da matrimonio reale.
Occorre perciò cominciare a togliere qualche nome, iniziando per esempio da amici che non vedete da molto tempo, da persone che vi hanno fatto star male, dai colleghi di lavoro (l’importante è il capo..), le persone lontane con cui non avete un rapporto d’amicizia così profondo, una parte dei vicini di casa (non si possono invitare tutti)…
Togliere persone dalla lista degli inviatati è sempre un operazione che far star male ma se dovete rispettare un numero massimo di invitati non vi è altra alternativa. Potete magari preparare una serie di buone scuse per le persone che sono rimaste fuori. A questo punto dovreste essere in dirittura d’arrivo ma se, dopo aver effettuato questa operazione vi accorgete che il numero degli invitati è sempre altro, ci sono ancora degli accorgimenti da poter seguire per snellire ulteriormente la lista.
Per esempio potrete optare per la doppia festa, pranzo/cena per i più intimi e serata danzante per tutti. Così avrete la possibilità di invitare più persone perchè il party ha un costo inferiore rispetto al pranzo di nozze.
La seconda opzione per depennare la vostra lista è quella di scegliere una meta esotica o lontana, così facendo saranno gli ospiti stessi a non venire visto la lontananza…

Il kit di emergenza per le spose

Il giorno del proprio matrimonio ogni sposa si rende perfetta in tutto e per tutto grazie ai bellissimi abiti da sposa che vengono prodotti in Italia dalle mani di abili sarte e grazie anche alle sapienti doti di parrucchiere ed estetiste.
Ma nonostante ciò la giornata potrebbe rivelare alcuni fastidi. E dunque per correre ai ripari in caso di emergenza potrebbe rivelarsi utile avere con sè un kit di emergenza composto da:

– prime cure di pronto soccorso: palliativi per emicranie, bolle ai piedi o tagli composto da aspirina, creme ecc.
– trousse del make up: necessaria per i ritocchi durante la giornata con fondo tinta, mascara, ombretto, rossetto, deodorante, profumo, mollettine per i capelli, lima e forbicine per le unghie
– kit della sarta: un accidentale strappo al vestito o al velo ed ecco magicamente ago, filo, spilla da balia.
– scarpe di scorta: specialmente se avete tacchi vertiginosi un paio di scarpe di scorta con tacco più basso possono sempre far comodo.
Tutto quanto andrà depositato al ristorante o consegnato ad una persona di fiducia.

Il bouquet della sposa 2012

Per i bouquet del 2012 ci si aspetta un ritorno al vintage, con finiture in pizzo, perle e swarovsky, tonalità tenue che riportano al romanticismo.
Verrà riscoperto il bouquet a borsetta impreziosito da fiori e decorazioni che diventa un’ottima alternativa al classico bouquet in quanto consente alle spose di portare con sè gli oggetti che più credono utili.
I fiori ovviamente dovranno essere in linea con l’abito da sposa e andranno abbinati a quelli del ristorante e della chiesa.
La scelta di un bouquet impreziosito da perle, swarosky o gioielli vari implica la scelta di un abito semplice e non troppo decorato altrimenti correte il rischio di eccedere troppo.

   

La lingerie per la prima notte di nozze

Ogni sposa sceglie il proprio abito da sposa dopo averlo sognato per tutta la vita e non è da meno prepararsi anche per la prima notte di nozze con una lingerie che può variare in base ad uno stile che più si addice alla persona, dal classico al fashion e supersexy.
Possiamo scegliere di fare il gioco del vedo-non vedo giocando con pizzo, raso e ricami e qualcunque stile venga scelto l’intimo per la prima notte di nozze nasce per lasciar intravedere e farsi guardare.
Il bianco rimane al top unitamente al balconcino e alla giarrettiera in pizzo nello stile classico mentre nella versione fashion il bianco lascia spazio a colori vivi e scintillanti come il turchese, il corallo ed il rosso. Per chi invece si sente più sexy abbiamo completi più preziosi realizzati in raso seta, pizzo raffinato e chiffon abbinati a gonnellini e reggicalze, guepiere e perizoma o parigine e babydoll.

Magnani Sposa a “Sposami”

Il giorno del ‘sì’ è un attimo prezioso per la vita di ognuno, di coppia che abbia scelto di progettare un futuro insieme e di tutti coloro che credono nell’amore romantico, quello un po’ fiabesco, da lieto fine.
E proprio per rendere quel giorno speciale, unico, curato in ogni dettaglio è nato ‘SPOSAMI,
una rassegna interamente dedicata alle giovani coppie che hanno deciso di passare tutta la vita insieme.
L’evento avrà luogo sabato 11 e domenica 12 febbraio 2012.
Quindi se avete in mente di coronare il vostro sogno d’amore, beh… a ‘Sposami’ troverete sicuramente ciò che fa al caso vostro.
MAGNANI VI INVITA A “TOCCARE” CON MANO I PRODOTTI E I SERVIZI CHE, COORDINATI TRA LORO, REALIZZERANNO IL SOGNO DI UN MATRIMONIO ESCLUSIVO DA FAVOLA.
MAGNANI VI ASPETTA PER PRESENTARVI LA COLLEZIONE 2012, E PER MOSTRARVI GLI ABITI DA SPOSA DURANTE LA SFILATA DI DOMENICA 12 FEBBRAIO ALLE ORE 17.30.

DOVE:

BORGO SAN GIUSTO
VIA SALAIOLA, 151
EMPOLI

QUANDO:

Sabato 11 febbraio dalle ore 11.00 alle 22.30
Domenica 12 febbraio dalle ore 10.00 alle 22.30
DOMENICA 12/2 – ORE 17.30 SFILATA MAGNANI SPOSA

INGRESSO GRATUITO

Per informazioni: www.sposami.es

Testo tratto da www.magnanisposa.it

Abiti da Sposa 2012 per Magnani Sposa

Per le spose del 2012 che hanno voglia di indossare qualcosa di nuovo è in arrivo una linea contemporanea prodotta da Magnani Sposa che impreziosisce i propri abiti con Swarovsky e con accessori originali.

Una nuova linea perciò, originale e alla moda, che allo stempo però presenta comunque caratteri legali alla tradizione e all’eleganza.
Per maggiori informazioni http://www.magnanisposa.it/

I testimoni dello sposo

I testimoni dello sposo dovranno essere perfettamente in tono con lo sposo e pertanto si chiede loro un abbigliamento particolarmente elegante. Ad esempio se lo sposo indosserà il tight anche i testimoni dovranno indossare il tight. Ovviamente i testimoni dovranno essere eleganti senza esagerare però perchè bisogna ricordarsi che i più belli sono sempre gli sposi.
Inoltre i testimoni non dovranno mettere il fiore all’occhiello come lo sposo e i padri degli sposi.
I testimoni di nozze arriveranno in chiesa assieme allo sposo e dovranno sedersi vicini, accanto o nella prima fila e alla fine della cerimonia saranno gli ultimi ad andarsene. Sembra infatti che debbano essere loro a consegnare l’offerta al sacerdote. Uno dei testimoni, poi, dovrà custodire le fedi dal giorno dell’acquisto fino al giorno delle nozze ed una volta arrivato in chiesa le consegnerà al paggetto o alla damigella o direttamente al sacerdote.